casa editrice la fiaccola



C'è posta per te: FISE Assoambiente ha scritto al Governo sul CoronavirusUna denuncia e una proposta nella missiva al Ministero competente


Per venire incontro alle nuove esigenze di sicurezza dettate dalla pandemia in corso (Coronavirus), il Governo italiano ha ricevuto la richiesta di assicurare un adeguato rifornimento di dispositivi individuali di protezione (DPI) a tutti i 90.000 addetti del ramo igiene ambientale e gestione rifiuti - urbani e speciali - che in questo momento rischiano di essere messi nelle condizioni di non poter espletare il proprio lavoro. 

La mancanza di mascherine è stata denunciata da FISE Assoambiente, che nella sua lettera indirizzata al titolare del dicastero competente, il Ministro Sergio Costa, ha anche inserito la proposta di valutare misure fiscali sui DPI a supporto delle aziende.

Leggi anche: L'appello al Governo di FISE Assoambiente e FISE UNICIRCULAR

L'Associazione di rappresentanza delle imprese che operano nei settori igiene urbana, attività di bonifica, riciclo, recupero/smaltimento di rifiuti urbani e speciali ha chiesto l'istituzione urgente di un tavolo di regia a livello nazionale in grado di fornire disposizioni chiare e coordinate, ma, soprattutto, valide per tutte le regioni, superando così le poche iniziative locali oggi avviate.

La criticità del momento che stanno passando le aziende del ramo, con dispositivi di sicurezza centellinati, impone nell'immediato un deciso cambio di passo se non si vuole rischiare di non poter più contare sul servizio di raccolta e trattamento dei rifiuti, anche di quelli ospedalieri in netta e continua e crescita

Leggi anche: Nuova vita agli scarti sanitari con la termovalorizzazione

Quanto alle misure fiscali di aiuto di cui sopra, la proposta di FISE Assoambiente è quella di un'IVA agevolata al 4 per cento sui DPI, con contestuale possibilità di detrazione in forma maggiorata dei costi relativi.

Al momento la spesa per ogni mascherina utilizzata dai lavoratori del segmento igiene urbana e gestione rifiuti è raddoppiata. Di qui l'invito al Ministero competente affinché monitori con attenzione l'andamento sul mercato del prezzo di questi dispositivi, così da rilevare la presenza di eventuali distorsioni.

Partner