casa editrice la fiaccola


Accessori in tessuto IKEA utilizzando gli scarti della coltura del riso in IndiaEvitando di bruciarli, come accade di solito, l'aria risulterà purificata


L'utilizzo deli scarti della coltura del riso in India per dare vita a una linea di accessori in tessuto. L'idea, e il successivo sviluppo del progetto, sono di Ikea, che contribuisce così a purificare l'aria dai fumi prodotti dall'incendio dei residui.

Una svolta in positivo per un territorio dove la qualità di quel che si respira appare già fortemente compromessa (nove delle dieci città più inquinate al mondo si trovano nel Nord del Paese asiatico).

(descrizione)

L'intenzione perseguita dall'azienda svedese è evidente nel nome scelto per la collezione, che propone tappeti, vasi e paralumi: Förändring, che in svedese significa 'cambiamento'.

A essere bruciati dagli agricoltori dopo la raccolta sono gli steli della pianta, che altrimenti limiterebbero la crescita delle nuove colture.

Ikea ha contrapposto allo smaltimento degli scarti un loro riutilizzo in chiave creativo-funzionale. L'utilizzo di questa particolare tipologia di materia da riciclo è stato concordato con i coltivatori di riso locali e spiegato nel corso di Democratic Design Days 2019.  

Per i vasi e i paralumi è stata impiegata una polpa ottenuta a partire da residui tessili derivanti dalla coltura della pianta della famiglia delle graminacee. Per realizzare i tappeti sono stati invece utilizzati gli steli, intrecciati sino a formare un tessuto misto-cotone secondo un rapporto percentuale 60-40. Ne deriva un prodotto resistente, dove è possibile conseguire, tramite la tintura a mano, giochi cromatici di sfumature che variano da pezzo a pezzo. 

Altre tipologie di fibre di scarto agricolo, in genere eliminate per combustione, potrebbero ora essere prese in considerazione, così da allargare il campo d'azione. Progetti volti a ridurre notevolmente l'inquinamento dell'aria, sfruttando processi produttivi già attivi, sono allo studio da parte di IKEA in collaborazione con l'associazione CCAC (Climate and Clean Air Coalition).

Partner