Ustica: un sogno sostenibile con l'eco-discoteca Ailanto Park


“Là dove c'era l'erba ora c’è…Una città”. Citiamo una nota canzone di Adriano Celentano perché è quello che è successo più o meno nell’isola di Ustica, solo che la protagonista del cambiamento in favore dell'ambiente è una discarica.
 Grazie all’idea di Tonino Basile, giovane usticese, lì dove c’era una discarica ormai semiabbandonata da anni adesso c’è l’Alianto Park, uno spazio polifunzionale ecofriendly destinato a diverse tipologie di spettacolo. Basile si è aggiudicato il bando per l'affidamento del parco urbano insieme all’amico socio Arnaldo La Paglia, esperto in economia. Si tratta di un esperimento di ricoversione che farebbe contenti non solo gli isolani ma anche i turisti. Del resto, un'eco-discoteca insediata in un luogo paradisiaco e incontaminato, e soprattutto in armonia con la natura è abbastanza singolare come progetto.

L’Alianto Park si trova infatti presso un’area naturale che sarà arredato soltanto con materiale ecologico. Sarà disponibile sia di giorno sia di notte, iniziando dallo sport del mattino per concludersi in bellezza con i concerti dal vivo.

Partner