casa editrice la fiaccola


Miglianico, un Comune virtuoso per la raccolta rifiuti Presentato in occasione di Ecomondo 2019


Partitalia, azienda del settore ICT dal 2001 che produce e commercializza smart card, tag e lettori RFID in tutta Europa, ha presentato a Ecomondo 2019 il caso del Comune di Miglianico (Chieti): primo al mondo ad adottare la Blockchain dei rifiuti. L’incontro è avvenuto nel corso dell’evento “Blockchain e wearable RFID per una gestione certificata della raccolta puntuale” in presenza di Marco Di Marco, Presidente del Consorzio Meditchain e Paolo Perego, Ricercatore del Politecnico di Milano.

Tra il 2015 e 2016, il Comune ha aderito al principio europeo ‘chi inquina paga’, con l’obiettivo di far risparmiare i cittadini virtuosi, facendo pagare il giusto ai meno. A tal proposito, sono state realizzate delle campagne di informazione e comunicazione al fine di incentivare la raccolta rifiuti. Allo stesso tempo, i cittadini di Miglianico hanno ricevuto i mastelli a cui è stato applicato un tag RFID pronto per essere letto dal bracciale “Discovery Mobile” durante le operazioni di raccolta.

Nel 2016, quando siamo arrivati alla tariffa puntuale – commenta Fabio Adezio, Sindaco di Miglianico - abbiamo deciso di misurare tutte le frazioni, non soltanto l’umido e l’indifferenziato, ma tutte le frazioni, perché abbiamo ritenuto che la soluzione fosse fare una sorta di controllo di gestione sui conferimenti. Se un cittadino mi dà soltanto la frazione secca e indifferenziata vuol dire che non sta facendo una buona raccolta e io con il controllo puntuale me ne accorgo e segnalo il comportamento anomalo”.

Oggi Miglianico ha raggiunto quasi l’85 per cento della quota di raccolta differenziata, passando da circa 900 mila euro a circa 660 mila euro di spesa totale per la raccolta rifiuti.
Alla consegna dei mastelli, su 2200 utenze Tari, sono stati scoperti 100 mila euro di evasione totale: 20 mila euro all’anno di tasse da recuperare. Grazie a questo metodo i cittadini virtuosi hanno risparmiato  il 21% per cento. Come premio, ogni cittadino ha ricevuto una card dell’acqua che gli consente di prelevare ogni giorno un litro di acqua gratis.

Da qui si è passati all’applicazione della Blockchain. Continua il sindaco: “Noi registriamo le transazioni relative alla raccolta rifiuti su uno strumento certificato e autenticato e trasferiamo queste informazioni. Siamo certi che la transazione che trasferiamo sui nostri sistemi è inviolabile, quindi il cittadino sa che quello è un suo conferimento. Lo step successivo che sarà implementato fra pochissimo è consegnare al cittadino anche un’evidenza dei suoi conferimenti, in maniera tale che il cittadino possa avere un riscontro”.

 

 

Partner