UNTHA X-Cutter alla conquista dell'ItaliaIl sistema di taglio è già stato scelto da aziende e produttori europei


Il nuovo sistema di taglio X-Cutter per il marchio UNTHA di Ecotec Solution punta a farsi conoscere e apprezzare non solo in Europa, ma anche nel nostro Paese.

Svelato per la prima volta in Italia in occasione della passerella di Ecomondo a Rimini nel novembre scorso, il componente intende costituire un'alternativa - rispetto ai trituratori veloci e ai raffinatori in commercio - quando si tratta di produrre CDR (combustibile da rifiuti) e CSS (combustibile solido secondario).

La progettazione e sviluppo dell'X-Cutter montato sul trituratore XR ha richiesto un anno di lavoro. In meno di sei mesi dal lancio sul mercato del sistema, sono già dieci le unità vendute, finite in Inghilterra, Irlanda, Germania e Norvegia, al servizio di aziende impegnate nel trattamento dei rifiuti, così come di produttori di combustibili alternativi.

L'ottimo risultato sin qui conseguito è figlio anche del roadshow promosso a livello europeo, che ha messo gli operatori nelle condizioni di testare le performance della macchina a partire dalla loro esperienza quotidiana comune.

"La flessibilità nel triturare materiali estremamente diversi e complessi - ha dichiarato Martin Mairhofer, Managing Director di Ecotec Solution, distributore esclusivo per l'Italia del brand UNTHA - è la sfida che i clienti stanno affrontando: hanno bisogno di una tecnologia di provata efficacia che possa evolvere parallelamente alle variabili condizioni del mercato. Il trituratore XR con sistema X-Cutter sta sfidando le convenzioni e facendo pensare diversamente gli operatori in merito a come trasformare i rifiuti in una fonte di energia."

L'X-Cutter consente di produrre un CDR puro da utilizzarsi nei sistemi di termovalorizzazione che ammettono solo materiale omogeneo in entrata; e un CSS di 30 mm di pezzatura per la produzione di cemento.

La portata garantita raggiunge sino i 40 t/h (versione stazionaria e mobile), mentre i giri al minuto sono più bassi rispetto a strumentazioni equivalenti: 65 giri/min per flussi di materiale complesso, che salgono a 85 giri/min in caso di inserimento di materiali più puliti.

"Una velocità più bassa significa una riduzione del livello di rumorosità, che aumenta il benessere degli operatori - ha ripreso Mairhofer -. Significa anche che i coltelli hanno una durata di vita più lunga, abbassando così gli interi costi di gestione della macchina, senza comprometterne le performance."

L'X-Cutter è progettato per lavorare anche i materiali intriturabili.

Partner